IL CENTROSINISTRA VINCE A ROMA E TORINO. CONFERMA DEL CENTRODESTRA A TRIESTE. CROLLA L’AFFLUENZA

Il centrosinistra vince a Roma e Torino. Gualtieri e Lo Russo nuovi sindaci dove governava il M5s. Il centrodestra resiste a Trieste con Dipiazza, al quarto mandato. A Benevento Mastella si conferma alla guida di liste civiche. Al centrosinistra anche gli altri 6 Comuni capoluogo di provincia al ballottaggio: Caserta, Cosenza, Isernia, Latina, Savona e Varese. Crolla l’affluenza rispetto al primo turno. Ha votato solo il 43,94% degli elettori, il 9% in meno del 3-4 ottobre (52,67%). 

A Roma inizia l’era Gualtieri, che ha vinto con il 60,15% dei voti e 565mila preferenze espresse, non soltanto su una maggioranza di 28-29 consiglieri più il suo seggio da sindaco, ma anche su una maggioranza di presidenti di centrosinistra in 14 Municipi su 15. Tra qualche giorno la comunicazione della nuova squadra di governo. Avrà un vicesindaco donna.

Oltre 52.500 voti di differenza. Stefano Lo Russo vince a Torino con il 59,23% contro il 40,77% del contendente Paolo Damilano. Anche qui forte calo dell’affluenza, meno sei punti percentuali dal primo (48,08%) al secondo turno (42,34%). 

Il centrosinistra conquista 8 citta’ al ballottaggio su 10. Il centrodestra resiste a Trieste con la riconferma, per la quarta volta, di Roberto Dipiazza ma rifiuta la definizione di “debacle”. “Una vittoria trionfale”, dice il leader Pd Enrico Letta. “Passiamo da 8 a 10: al momento il centrodestra ha piu’ sindaci rispetto a 15 giorni fa”, e’ il primo commento di Matteo Salvini che parla di “sindaci eletti da una minoranza della minoranza” dopo “una campagna elettorale surreale passata a inseguire i fascisti che sono solo sui libri di scuola”. Giorgia Meloni ammette la sconfitta, ma “non la debacle” e da’ la colpa al ritardo nella scelta dei candidati “ma non al profilo dei candidati” di centrodestra. Enrico Letta liquida come “surreale” l’analisi del voto del leader della Lega e vede il successo come un premio “per lo sforzo dell’allargamento del centrosinistra”.  A Benevento Clemente Mastella riconquistare la gida della città dopo aver centrato per un soffio il primo turno. “Ho vinto solo contro tutti, come Mario contro Silla”, afferma l’ex Guardasigilli del governo Prodi che se la prende con l'”Arca di Noe’ di destra e di sinistra”. 

Facci sapere cosa pensi