QUIRINALE. QUARTA VOTAZIONE, 166 VOTI A MATTARELLA. 441 ASTENUTI

261 BIANCHE, 56 DI MATTEO, 6 CARTABIA, 5 DRAGHI 

A vuoto anche il quarto scrutinio per l’elezione del presidente della Repubblica. Gli astenuti sono stati 441, mentre le schede bianche sono scese a 261. Salgono i voti per il Mattarella bis: sono stati 166 contro i 125 di ieri. Ottiene 56 voti Nino di Matteo, candidato da Alternativa c’e’ e dagli ex M5s al posto del giurista Paolo Maddalena, che ieri ne aveva ricevuti 61. Otto voti per Luigi Manconi, 6 alla ministra Marta Cartabia, 5 al premier Mario Draghi, 4 a Giuliano Amato, 3 a Pierferdinando Casini e 2 a Elisabetta Belloni. Le schede nulle sono state 5, i voti dispersi 20. I presenti sono stati 981, 540 i votanti. Si va alla quinta votazione che mai, nella storia della Repubblica ha visto l’elezione del presidente. Il quorum resta a quota 505.

L’obiettivo di Matteo Salvini e’ “tenere unito il centrodestra e tenere unita la maggioranza. Confido che domani sia la giornata buona’: il leader della Lega lo ha detto fuori da Montecitorio aggiungendo che la Lega domani non votera’ scheda bianca ma ci scrivera’ sopra un nome. Intanto il costituzionalista Sabino Cassese, il cui nome e’ tra quelli fatti in queste ore, ha detto di sperare ragionevolmente che ‘venga fuori un bel nome’ e quanto alla sua possibile candidatura ha aggiunto: ‘Le cariche pubbliche non si sollecitano e non si rifiutano’. 

Facci sapere cosa pensi