SI DEL MINISTERO ALLA TERZA DOSE DEL VACCINO PER FRAGILI E OVER-60

Si del Ministero della Salute alla terza dose di vaccino anti-Covid per gli over-60 e per tutti i soggetti fragili, dopo almeno 6 mesi dalla completa immunizzazione. “Abbiamo somministrato piu’ di 6 miliardi di dosi di vaccini in tutto il mondo. I nostri sforzi ci hanno aiutato a tenere sotto controllo la pandemia in molti paesi e a darci la speranza che la sua fine sia finalmente in vista”, ha detto Mario Draghi al Summit B20. In Italia la curva del Covid continua a decrescere, ma l’Iss consiglia di mantenere alta l’attenzione. Sono ancora quasi 8,4 milioni gli italiani over 12 che non hanno ricevuto alcuna dose: il 15,54% della popolazione vaccinabile. L’America Latina supera quota 1,5 milioni di morti da inizio pandemia, col Brasile sopra le 600mila vittime. 

 “L’Italia bianca e’ una bella notizia, conferma che le decisioni messe in campo, a cominciare dal green pass, hanno avuto effetto. Il presidente ha detto che il quadro e’ positivo e ha invitato alla cautela. Abbiamo davanti altre prove”. Cosi’, al Corriere della Sera, il ministro della Salute Roberto Speranza. “Stiamo entrando nella quarta settimana dalla riapertura delle scuole, possiamo parlare di tenuta, ma per un bilancio degli effetti e’ presto”, osserva. Quanto alla campagna vaccinale, “siamo all’85% di prime dosi e all’80% di seconde, e’ un dato importante. Adesso, con cautela, partiamo con le terze dosi per chi ha piu’ di 60 anni e ha completato il primo ciclo da almeno sei mesi”, spiega. Sulle riaperture il ministro dice: “Il Cts ha dato un via libera di fondo, poi in cabina di regia c’era chi voleva riaprire tutto e chi consigliava di attenersi agli scienziati. Draghi si e’ mosso di qualche punto percentuale rispetto al Cts, ma siamo ancora dentro un percorso di gradualita’”. Infine dal ministro un ulteriore appello: “Continuiamo a tenere l’attenzione alta, perche’ c’e’ l’incognita varianti”. 

Facci sapere cosa pensi